Napolinjazz, venerdì 21 alla Casina del Principe di Avellino.

0
49

napolinjazzUno spettacolo nuovo dedicato a una città senza tempo alla Casina del Principe di Avellino, venerdì 21 novembre alle ore 20.

Napolinjazz il titolo della serata, perché sarà proprio il jazz la chiave di lettura di un universo musicale conosciuto e cantato in tutto il mondo.

Le più belle canzoni di Napoli saranno interpretate da Marina Bruno, una cantante dalla vocalità solare.

La affiancheranno quattro musicisti, docenti e laureati del corso di jazz del Conservatorio “Domenico Cimarosa”, con i quali rivisiterà i grandi capolavori della musica partenopea in chiave jazz.

Le splendide melodie dei classici napoletani si prestano magnificamente ad una rilettura elegante e sofisticata, tipica del mondo jazzistico, generando nuovi capolavori, elevati al livello di “standards” internazionali.

Tra le songs in programma “Voce ‘e notte”, “Maruzzella”, “Rumba degli scugnizzi”, “Io te vurria vasà”, “Passione”, “Funiculì funiculà”, spesso pesantemente “virate” ed ibridate con altri famosi standards strumentali, quasi con l’intento di eliminare la scontata oleografia con la quale tocca confrontarsi ogni volta che si interpretano brani così noti.

Un concerto che esplora nuove strade e non cerca facili consensi, ma prova a creare atmosfere intense, da vero jazz club.

Autori delle elaborazioni musicali il M° Giuseppe Di Capua ed il M° Salvatore Santaniello, docente e capo del dipartimento di jazz del Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino.

Sulla scena Marina Bruno (voce);  Salvatore Santaniello (sax); Giuseppe Di Capua (pianoforte); Francesco Angiuli (contrabbasso) e Gianfranco Manna (batteria).

 

Non dimentichiamo, però,  che si avvicina il grande evento che vedrà esibirsi sabato 22 alle 19,30  in un concerto straordinario la cantante Carmen Giannattasio, insieme all’Orchestra del Conservatorio Cimarosa diretta da Carmine Santaniello, proprio dal palco dell’Auditorium dell’Istituto Musicale per celebrare l’apertura dell’anno accademico 2014/2015.

LASCIA UN COMMENTO