Nasce IIA, l'azienda italo-cinese che assorbirà i lavoratori Irisbus di Valle Ufita.

0
158

Ha debuttato meroledì scorso, al Ministero dello Sviluppo Economico, il progetto di una nuova azienda italiana per la produzione di autobus. Sarà costituita entro fine mese e si chiamerà IIA (Industria Italiana Autobus). Vi confluiranno tutti i lavoratori (500) e tutte le attività del sito BREDA MENARINI BUS di Bologna di proprietà di FINMECCANICA, del sito IRISBUS di Valle Ufita (Avellino) e le attività della cinese KING LONG ITALIA.

Entro il mese di giugno, dunque, si completeranno le procedure societarie e si avvierà la prima fase del progetto che prevede l’incorporamento di Breda Menarini Bus. L’acquisizione dell’impianto avellinese completerà- a partire da settembre- tutto il processo.

IIA sarà in grado di progettare e produrre- secondo le slides proiettate durante l’incontro odierno-  tutta la gamma di autobus richiesta dal mercato italiano ed europeo e potrà avvalersi del sostegno produttivo e finanziario della cinese KING LONG, ovvero il più grande produttore mondiale di autobus.

La presentazione del piano industriale di quello che si configura come il polo industriale del trasporto su gomma è avvenuta alla presenza del Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi che non ha nascosto la sua soddisfazione per l’operazione che sta per concludersi: “Il Governo- ha detto infatti- ha supportato con convinzione questo progetto che, tra le tante cose, ha l’ambizione di difendere l’italianità di alcuni marchi storici e quella di garantire la tenuta, e in prospettiva il rilancio, dell’occupazione. Per noi, mettere il massimo dell’impegno nel difendere i livelli occupazionali e nel creare nuovi posti di lavoro è un dovere morale”.

“Con questa operazione- ha sostenuto da parte sua il Vice Ministro Claudio De Vincenti che segue la vertenza fin dall’inizio- si dà una concreta risposta non solo ai lavoratori, ma all’intera filiera del settore autobus, colpita dalla crisi dei maggiori produttori italiani. La mia convinzione è che il mercato saprà valorizzare questo progetto industriale reso possibile dalla disponibilità concreta di investitori e realtà produttive”.

Da subito inizierà il confronto tra il management di IIA e i sindacati per valutare tutti gli aspetti- già in parte emersi durante il dibattito odierno- dell’operazione, a partire dall’impatto sull’indotto e sui posti di lavoro.

Alla presentazione di IIA e del relativo piano industriale hanno preso parte i vertici di King Long Italia guidati dall’amministratore delegato Stefano Del Rosso, esponenti di primo piano di FIAT (che cede il sito di Valle Ufita), di Finmeccanica e di ANFIA. Presenti anche i rappresentanti delle istituzioni interessate (Regioni e Comuni) e tutte le organizzazioni sindacali di categoria nazionali e territoriali.

LASCIA UN COMMENTO