Officina Scuola, progetto in Alta Irpinia.

0
988

Le scuole e i Comuni di Calitri, Lioni e Sant’Angelo dei Lombardi insieme per un progetto dedicato ad alunni e genitori. E’ stato presentato questa mattina presso la scuola media di Lioni “Officina scuola”, un intervento socio-educativo e culturale che vuole educare alla legalità, sostenere la genitorialità e fare animazione sul territorio dei tre paese attraverso attività didattiche e laboratori esperienziali.

Il progetto dura due anni e sono diversi i partner dell’iniziativa che ha come capofila la fondazione di comunità Officina solidale, presieduta da Rosanna Repole: c’è l’associazione Mad.Ora Famiglia e Minori onlus di Pagani, l’associazione Gioco e dintorni di Nocera Inferiore, gli istituti comprensivi “Alberto Manzi” di Calitri, “Nino Iannaccone” di Lioni e poi le scuole superiori “Francesco De Sanctis” di Sant’Angelo dei Lombardi e “Luigi Vanvitelli” Di Lioni.

Ne hanno parlato i dirigenti scolastici assieme ai rappresentanti del terzo settore, al vescovo di Sant’Angelo dei Lombardi Pasquale Cascio e alla presidente del Consiglio regionale Rosetta D’Amelio che ha ricordato: “Sui progetti “Scuola di comunità” la Regione Campania, attraverso l’assessore Lucia Fortini, ha messo 8,2 milioni di euro nell’ambito del programma “Scuola viva” con il quale, a partire dall’anno scolastico 2016-2017, abbiamo realizzato una serie di interventi volti a potenziare l’offerta formativa del sistema scolastico regionale, coinvolgendo circa 500 scuole e oltre 400mila studenti”. 

Legalità, bullismo, diritti umani, educazione stradale. E ancora mediazione familiare, rispetto delle diversità, ambiente, cittadinanza attiva e sviluppo sostenibile. Questi alcuni dei temi sui quali i ragazzi e i loro genitori saranno coinvolti in un percorso che vuole anche rafforzare la relazione a tre tra scuola, famiglia e studenti, e che vedrà diverse figure esperte come impegnati avvocati, psicologi, nutrizionisti, educatori. Prevista anche la realizzazione di un punto aggregativo e informativo “Officina della comunicazione digitale”. Gli studenti, si legge nel progetto, dovranno organizzare un evento per la valorizzazione in senso turistico dei beni culturali locali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here