Un punto di ascolto Myla per le neo-mamme all’interno di ciascuna delle due Unità Operative di Pediatria dell’Azienda Ospedaliera “Moscati”.

0
332

Due spazi di ascolto per fornire un supporto socio-assistenziale alle neo-mamme. Passa alla fase operativa il progetto “Myla” (My Land for children), che vede come soggetto capofila la Società Cooperativa Sociale “L’Isola che c’è – Onlus” e, tra i partners, l’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati”.

Lunedì prossimo, 1 aprile, alle ore 11, sarà inaugurato, all’interno dell’Unità Operativa di Pediatria del plesso ospedaliero di Solofra, uno sportello dedicato, all’interno del quale personale qualificato sarà a disposizione delle mamme, in particolar modo di quelle più “fragili” (minori, straniere, sole) per offrire sia un supporto psicologico, sia informazioni utili a cercare di risolvere le loro eventuali problematiche e dare così un sostegno alla genitorialità.
Al taglio del nastro dello sportello dedicato parteciperanno il Direttore Generale dell’Azienda “Moscati”, Angelo Percopo, il Direttore Sanitario, Maria Concetta Conte, il Presidente della Società “L’isola che c’è”, Speranza Marangelo, il sindaco di Solofra, Michele Vignola, il Direttore del Consorzio dei Servizi Sociali A5, Carmine De Blasio, il presidente della Cooperativa “Il Sorriso”, Alberico Iannaccone, il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo “Galiani” di Monitoro, Domenica Raffaella Cirasuolo, nonché componenti delle Associazioni Age e Amdos.

Mercoledì prossimo, 3 aprile, sempre alle ore 11, sarà poi inaugurato l’altro Punto di ascolto Myla, allestito all’interno dell’Unità Operativa di Pediatria della Città ospedaliera di Avellino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here