Memorie di Pietra, inaugurata la mostra al Museo Nazionale di Napoli su Avella e Castelvenere.

0
160

Sabato 9 dicembre alle ore 11:00 è stata presentata al Museo Archeologico Nazionale di Napoli la mostra “Memorie di Pietra”, un’esposizione fotografica del patrimonio archeologico dei Comuni di Avella, Castelvenere e Teano, che si svolgerà al MANN nella sala del Doriforo dal 09 dicembre 2017 al 09 febbraio 2018, tutti i giorni escluso il martedì, dalle ore 09:00 alle 19:30.

La conferenza, moderata dalla storica dell’arte Alessandra Paudice, si è svolta nel Salone della Meridiana in presenza di Paolo Giulierini, Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli; del presidente dell’associazione “Animum debes mutare”, organizzatrice della mostra fotografica, Prof. Alessandro Mazzarelli; dell’Avv. Domenico Biancardi, Sindaco di Avella; dell’Avv. Antonio Larizza, presidente della Fondazione Avella città d’arte; del Dott. Mario Scetta, Sindaco di Castelvenere; del Dott. Mario Moccia, Vicesindaco di Castelvenere; dell’Ing. Nicola Di Benedetto, Sindaco di Teano; della Prof.ssa Gemma Tizzano, Assessore al Turismo di Teano; e di Marco Ugliano, Dirigente scolastico dell’ITES F. Galiani di Napoli.

Tra i presenti anche l’autore Mauro Giancaspro; il Dott. Antonio Salerno, Direttore del Museo Archeologico di Teanum Sidicinum e funzionari della Soprintendenza ai Beni archeologici di Caserta, Benevento e Avellino/Salerno.

Attraverso il suo intervento, il Direttore Paolo Giulierini ha annunciato un’importante novità riguardante il progetto Extramann e i Comuni di Avella, Castelvenere e Teano: “Una mattinata bellissima per il MANN, siamo felici di aver accolto centinaia di studenti in una sala della Meridiana gremita, per l’evento inaugurale della mostra “Memoria di Pietra”. I tesori di Avella, Castelvenere e Teano entrano nel nostro circuito Extramann, che fa parte del progetto Obvia, e il primo passo è proprio questa iniziativa che sarà seguita da molte altre, con l’obiettivo primario della valorizzazione di questo splendido territorio. Ringrazio per lo straordinario lavoro di raccordo il Prof. Alessandro Mazzarelli. L’intero progetto Obvia, di cui fa parte Extramann, è coordinato da Daniela Savy. La seconda linea d’azione Extramann è curata dal Prof. Stefano Consiglio”.

Questo invece il commento del presidente dell’associazione “Animum debes mutare”, Prof. Alessandro Mazzarelli: “La cultura si esprime attraverso il punto interrogativo, cioè la persona colta ti ascolta e ti lascia parlare, è curiosa, se non lo fa è una persona che ragiona con il punto esclamativo, è un saccente, è altro. Paolo Giulierini è una persona colta, intelligente, dinamica, che ascolta e lascia parlare le persone. “Memorie di Pietra” tende a rilanciare persone con queste capacità, e attraverso esse lo straordinario e immenso patrimonio culturale, storico e artistico della Campania.”.

La mostra fotografica “Memorie di Pietra”, curata dall’associazione culturale “Animum debes mutare”, visitabile sino al 9 febbraio 2018 presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, è un percorso per immagini che accompagna il visitatore alla scoperta di importanti testimonianze di epoca romana delle città di Teano, Avella e Castelvenere.

L’associazione Animum ha realizzato un progetto volto a restituire al presente e ai cittadini luoghi pregni di storia e di bellezza, al contempo poco conosciuti e al di fuori dei tradizionali circuiti turistici della Campania, attraverso il coinvolgimento degli istituti scolastici e raccordando enti territoriali e istituzioni museali.

Avella (Av) è stata, sin dalle sue origini (VIII-VII sec. a.C.), luogo di scambio tra le culture dell’interno e quelle della costa. Oggi l’attenzione verso i monumenti del territorio si sta trasformando in un vivace rilancio culturale e materiale della città. L’anfiteatro romano fu edificato nel I sec. a.C. sui resti di un complesso abitativo di età sannitica. La necropoli monumentale (I sec. a.C. – II sec. d.C) è costituita da quattro tombe, tra le quali spicca quella detta a conocchia.

Castelvenere (Bn) figura come la città con la più alta densità di superficie coltivata a vite d’Italia. Abitata già nel paleolitico, diventa centro di produzione agricola in età romana. Il territorio è oggi protetto da due Denominazioni di Origine Controllata, la “Sannio” e la “Falanghina del Sannio”, e da una Indicazione Geografica Tipica, “Benevento” o “Beneventano”. La villa romana di Castelvenere risale al II-I sec. a.C. ed è stata identificata come una costruzione abitativa destinata alla campagna. La struttura è stata inglobata nell’Ottocento in una masseria.

La città di Teano (Ce) è abitata già nel IV sec. a.C. dai Sidicini, popolo che seppe distinguersi per capacità organizzative ed economiche, anche a seguito della conquista romana. L’incontro tra Garibaldi e Vittorio Emanuele II del 26 ottobre 1860 ha definitivamente consacrato alla storia la città. Il teatro romano fu costruito intorno al II secolo a.C. e completato alla fine del II sec. d.C per volere dell’imperatore Settimio Severo. L’edificio ludico si configura come il più antico esempio di teatro in piano.

L’associazione culturale “Animum debes mutare” nasce ufficialmente il 9 settembre 2017 da un’idea del Prof. Alessandro Mazzarelli che, confrontandosi con professionisti, esperti dei beni culturali e docenti, ha deciso di restituire dignità e memoria ad aree e siti archeologici abbandonati o poco conosciuti. Il modus operandi dell’associazione è improntato al coinvolgimento attivo di tutte le compagini presenti sul territorio, a cominciare dalla scuola, visto come luogo di formazione e di educazione alla cultura del fare.

 

LASCIA UN COMMENTO