Grottaminarda, il sindaco Spera alla Festa de l’Unità parla della piattaforma logistica di Valle Ufita

0
263
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

«La Festa dell’Unità provinciale è stata occasione per trattare con grande risalto la questione della Piattaforma Logistica in Valle Ufita. È stato ribadito l’impegno di tutti, ai vari livelli, per perseguire l’obiettivo indispensabile per arginare il fallimento del SUD. Seguirà tra 10 o 15 giorni, un appuntamento politico partitico a Grottaminarda che affronterà nuovamente, pubblicamente, la questione».

A parlare è il Sindaco di Grottaminarda, Coordinatore tecnico del Masterplan Valle Ufita, Marcantonio Spera, che ha partecipato alla due giorni del Pd irpino a Parco Palatucci ad Avellino ed in particolare al dibattito sul tema: “Ripensare il territorio, narrare il futuro – Aree Interne e strumenti di pianificazione territoriale”.

Tutti i Dirigenti provinciali hanno affrontato la questione e poi Gianni Festa, l’Onorevole Umberto Del Basso De Caro, l’Onorevole Francesco Boccia, l’Eurodeputata Pina Picierno, l’Onorevole Toni Ricciardi, il Sindaco di Bari Antonio Decaro, l’Onorevole Maurizio Petracca, l’Onorevole Piero De Luca.

Processata tutta la storia, remota e recente che ha determinato le vicende attuali ed esaminato il da farsi per recuperare l’opera strategica:

«La responsabilità di bloccare la realizzazione della Piattaforma Logistica in Valle Ufita non può permettersela nessuno – aggiunge Spera nel fare un resoconto parziale ma significativo di quanto emerso – Non Salvini, non Fitto e tantomeno la Meloni. Su questa questione il Governo “farà i conti” con tutto il Meridione ed infatti le ultime dichiarazioni attribuite al Sottosegretario Bignami in visita privata al cantiere di RFI in Valle Ufita, relative ad un reperimento di fondi (?) sono state recepite e percepite come un tentativo di riparazione dopo il definanziamento dell’opera dal PNRR mal celato e spiegato dai Ministri.

Ci auguriamo che venga restituito il maltolto. L’Irpinia, la Campania, il SUD intero hanno un bisogno vitale di quest’opera e di tutto quello che l’opera sottende per il nostro futuro, per i giovani, per l’Italia. A breve un incontro cruciale con RFI, con la Regione Campania nella persona dell’Assessore Discepolo, e si spera con il Ministro Salvini, da parte dei Referenti tecnici e politici dell’Area Vasta per il Masterplan dell’area interna campana che maggiormente necessita di attenzioni, rispetto e cura sociale, economica e politica. Incrociamo le dita e speriamo che il Governo inverta la rotta».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here