Istat, commercio estero, torna in trend positivo l’export a maggio

0
256
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace

A maggio 2023 si stima, per l’interscambio commerciale con i paesi extra Ue27, un aumento congiunturale per le esportazioni (+1,2%) e una diminuzione per le importazioni (-4,6%).

L’incremento su base mensile dell’export è dovuto alle maggiori vendite di beni di consumo durevoli (+7,0%) e non durevoli (+3,4%) e beni intermedi (+3,3%); diminuiscono, invece, le esportazioni di energia (-9,2%) e beni strumentali (-1,8%). La flessione congiunturale dell’import è quasi totalmente spiegata dalla contrazione degli acquisti di energia (-17,7%).

Nel trimestre marzo-maggio 2023, rispetto al trimestre precedente, l’export si riduce del 4,2%; la flessione riguarda tutti i raggruppamenti, a esclusione di beni strumentali (+3,6%), ed è più ampia per energia (-17,8%) e beni di consumo non durevoli (-9,0%). Nello stesso periodo, l’import diminuisce del 9,6%; anche in questo caso, la flessione è diffusa a tutti i raggruppamenti, a esclusione di beni strumentali (+2,3%), ed è più marcata per energia (-24,4%) e beni di consumo non durevoli (-5,1%).

A maggio 2023, l’export registra una crescita su base annua del 4,1% (da -4,9% di aprile), spiegata dalle maggiori vendite di beni strumentali (+16,0%) e beni di consumo non durevoli (+7,2%). L’import registra una flessione tendenziale del 13,8%, dovuta principalmente alla riduzione degli acquisti di energia (-42,7%).

A maggio 2023 il saldo commerciale con i paesi extra Ue27 è positivo e pari a +4.473 milioni (-258 milioni a maggio 2022). Il deficit energetico (-4.828 milioni) è inferiore rispetto a un anno prima (-8.289 milioni) e l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici aumenta da 8.031 milioni di maggio 2022 a 9.300 milioni di maggio 2023.

A maggio 2023, si rilevano aumenti su base annua delle esportazioni verso quasi tutti i principali paesi partner extra Ue27: i più ampi riguardano paesi OPEC (+28,8%), Cina (+14,8%) e Giappone (+14,7%). Flettono, invece, le vendite verso gli Stati Uniti (-5,8%).

Le importazioni dalla Russia si riducono dell’86,5% su base annua. Ampie contrazioni – superiori alla media delle importazioni dai paesi extra Ue27 – si rilevano anche per gli acquisti da paesi OPEC (-24,3%) e paesi MERCOSUR (-20,2%). Per contro, aumentano le importazioni da Svizzera (+28,7%), India (+13,2%), Stati Uniti (+7,7%) e Turchia (+4,6%).


Il commento

Dopo due mesi di riduzioni, a maggio 2023 l’export verso i paesi extra Ue27 torna a registrare un aumento congiunturale che, al netto delle operazioni occasionali di elevato impatto (cantieristica navale) rilevate il mese precedente, si stima molto più marcato e pari a +5,2%. Per l’import, la flessione su base mensile è dovuta soprattutto alla contrazione degli acquisti di energia, su cui incide il calo dei prezzi e dei volumi importati di gas naturale allo stato gassoso.
Anche su base annua, dopo la battuta d’arresto di aprile, l’export torna a crescere, trainato dalle maggiori vendite di beni strumentali e beni di consumo non durevoli; mentre l’import, con la decisa riduzione degli acquisti di energia, si conferma in flessione per il quinto mese consecutivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here