Valori immobiliari giù in Campania (-4,5%), a una media di 2.128 euro/m², lo studio di Idealista.

0
814

I valori degli immobili a Napoli sono diminuiti del 3,8% nel corso del 2017, a una media di 2.708 euro/m². Nell’ultimo trimestre però i prezzi hanno invertito la rotta con un rimbalzo del 3,7%. Le diminuzioni si attestano al 4,5% a livello provinciale, dove il valore medio è di 2.128 euro/m².

Tra i cali generalizzati, che interessano 10 zone del capoluogo partenipeo, si distingue  il Centro Storico (0,2%) seppure con una flebile correzione positiva. Riduzioni a due cifre si sono registrate nei quartieri Ponticelli-San Giovanni a Teduccio (-17,9%) e Pianura-Soccavo-Camaldoli (-10,9%). Cali rilevanti anche per Chiaiano-Zona Ospedaliera-Scampia (-9,1%), Posillipo-Chiaia-San Ferdinando (-7,2%) e Capodimonte-Martedei-san Carlo all’Arena (-6,8%).

Sostanziale tenuta per il Vomero-Arenella, che ha subito un calo marginale, pari all’1% nel corso del 2017, a una media 3.938 euro al metro quadro.

Anche i comuni in provincia di Napoli seguono la tendenza ribassista, con i cali maggiori a Torre Annunziata (-14,5%) e a Marano di Napoli (-11,5%). Tra i centri in saldo positivo spicca la performance di Capri (7,7%) a una media di 8.790 euro/m².

Cali generalizzati in Campania, dove i proprietari hanno visto il valore delle loro abitazioni svalutarsi del 4,5% negli ultimi 12 mesi, a un valore nominale di 1.757 euro al metro quadro (quasi 100 euro in meno rispetto all’anno scorso).

Province
Tutte le province campane hanno subito contrazioni: la peggiore è  Benevento con un calo a due cifre 15,7%, seguita da Caserta (-7,1%), Salerno (-3,8%) ed Avellino (-2,0%).

I metri quadri più cari si trovano in provincia di Napoli, seguita da Salerno (1.590 euro/ m²) e Caserta (1.182 euro/ m²). La più economica è Benevento con 882 euro al metro quadro.

Capoluoghi

I centri maggiori seguono l’andamento provinciale con segni meno diffusi in tutti i capoluoghi. Profondo rosso per Benevento (-18,6%), Avellino (-9,2%) e Salerno (-9,0%). Ribassi più contenuti a Napoli e Caserta, rispettivamente con decrementi del 4,5% e del 3,3%.

La graduatoria dei prezzi è comandata da Napoli (2.708 euro/m²), seguita da Salerno (2.308 euro/m²) e Caserta (1.552 euro/ m²). Chiude Benevento con 1.101 euro al metro quadro.

Secondo Vincenzo De Tommaso, responsabile dell’ufficio studi di idealista: “il trend negativo dei prezzi delle case iniziato nel 2007 è proseguito anche quest’anno; il mercato risente ancora dell’eccesso di offerta di immobili con caratteristiche di prezzo, qualità e localizzazione non richieste dal mercato. Nonostante questo, la vivacità della domanda privata, sostenuta dal mercato dei mutui, si estende a macchia di leopardo, concentrandosi nelle aree di maggior pregio delle grandi città e nei centri dove la qualità della vita è migliore. Nel 2018 ci aspettiamo una ripresa via via più uniforme con moderata crescita dei prezzi nelle città medie e in quelle metropolitane con una generale tendenza la stabilizzazione dei valori”.

Puoi scaricare il report completo qui:

https://st3.idealista.it/news/archivie/2017-12/idealista_indice_trimestrale_vendita_ita_2017q4.pdf

LASCIA UN COMMENTO