Li chiamavano i magnifici 7, presentazione del libro mercoledì 24 a Grottaminarda

0
94
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven

Mercoledì 24 aprile alle ore 18:00, presso il Castello d’Aquino presentazione del libro di Daniele Morgera “Li chiamavano i magnifici 7” edito da La Bussola.

L’iniziativa gode del patrocinio del Comune di Grottaminarda, rientra, infatti, nel cartellone di eventi “Incontriamoci con la Cultura”.

Interverranno Marcantonio Spera, Sindaco di Grottaminarda, Enzo Roselli, Dirigente dello Stato in pensione, Marco Staglianó, Direttore Orticalab, modererà Ettore Zecchino di Orizzonti Popolari.

A 80 anni dalla nascita della Democrazia Cristiana il libro di Morgera parla del gruppo di intellettuali e politici che tra gli anni ’60 e ’80 del Novecento ha fatto storia; una classe dirigente che partendo dalle zone interne del Sud è arrivata a conquistare la guida del maggior partito della Prima Repubblica e il Governo del Paese.

Parliamo di Gerardo Bianco, Nicola Mancino, Biagio Agnes, Salverino De Vito, Antonio Aurigemma, Aristide Savignano, Giuseppe Gargani, Ortensio Zecchino, che, insieme a Ciriaco De Mita, furono così potenti e coesi da essere definiti dagli avversari, quasi dispregiativamente, “il clan degli avellinesi” mentre in Irpinia li chiamavano “i magnifici 7” (anche se erano di più).

Morgera ne racconta la storia attraverso un viaggio immaginario nei loro paesi d’origine compiuto dai protagonisti: una nipote ed un nonno a simboleggiare il cammino della memoria.

Daniele Morgera è un Giornalista Rai, attualmente Caposervizio della Redazione “Scienze e Società” del Giornale Radio.

Ha già pubblicato: Il Mistero di Corallo (ed. Le Maree 2001), Il Commenda. Angelo Rizzoli l’uomo che invento un’isola (La Citta del Sole 2002), Ischia e il cinema (a cura di Raffaele Mattera, con Valerio Caprara, Vittorio Paliotti e Benedetto Valentino, Valentino Editore 2008).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here