Andrea Massaro, lo storico dal sorriso mite, venerdì 12 alla Biblioteca Provinciale

0
138
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace

Venerdì 12 aprile, alle 17:30 presso la sala Penta della Biblioteca provinciale di Avellino, l’Associazione culturale Orizzonti ricorda “Andrea Massaro, lo storico dal sorriso mite”.
All’incontro, patrocinato dal Comune e dalla Provincia di Avellino, parteciperanno il presidente dell’Associazione Orizzonti, Paolino Marotta, il presidente della Provincia di Avellino, Rizieri Buonopane, il vicesindaco di Avellino, Laura Nargi, il professore di Letteratura italiana dell’Università del Lazio, Toni Iermano, lo scrittore Paolo Saggese, il parroco di Santa Maria di Costantinopoli, don Emilio Carbone, l’ex funzionaria della Soprintendenza, Maria Grazia Cataldi, e il direttore del Corriere dell’Irpinia, Gianni Festa. Modererà l’incontro il direttore di Otto Channel Pier Luigi Melillo.
Andrea Massaro, lo storico che ha raccontato Avellino, è scomparso lo scorso 18 agosto all’età di 85 anni.

Nato a Macerata Campania, in provincia di Caserta, nel 1938, Andrea Massaro è stato l’ultimo direttore dell’Archivio storico del Comune di Avellino, ha frequentato la Scuola speciale di Archivistica, Paleografia e Diplomatica.

Andrea Massaro ha prestato per decenni servizio presso il Comune di Avellino come Capo sezione Archivio e poi come dirigente delle ripartizioni Pubblica istruzione – Cultura e Servizi sociali. Segretario e componente della Commissione alla Toponomastica del Comune di Avellino, ha riscritto con cura la mappa delle strade cittadine ricordando, con l’intitolazione, personaggi illustri della storia della città.

Giornalista pubblicista, Andrea Massaro è stato una storica firma de Il Mattino.

Ha pubblicato varie monografie di vita avellinese, compendiate in più di 30 volumi, oltre a vari saggi. Ha curato numerose Mostre foto-documentarie sul passato del capoluogo irpino. Uno dei suoi ultimi lavori è l’Almanacco della città: un viaggio lungo un anno attraverso la storia di Avellino (Kruas, 2016) che esplora i momenti salienti dello sviluppo del capoluogo irpino e dintorni, tra eventi importanti, personaggi chiave, luoghi meravigliosi e progresso tecnologico. L’itinerario si estende dai primi secoli dopo Cristo all’epoca contemporanea, con una concentrazione di episodi tra l’Ottocento e il primo Novecento, l’arco di tempo che ha testimoniato maggiormente la trasformazione e l’evoluzione della città; molti eventi, inoltre, sono legati al sisma che colpì tragicamente l’Irpinia nel 1980, sconvolgendo l’esistenza dei suoi abitanti in maniera indelebile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here