Aziende e sostenibilità: i nuovi ruoli all’interno delle organizzazioni

0
194
Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture

Negli ultimi anni, la sostenibilità ha iniziato a occupare un ruolo sempre crescente in ambito aziendale, intesa non solo come rispetto dell’ambienta ma come capacità di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di fare lo stesso. In questo contesto, si è visto l’affermarsi di nuovi professionisti, esperti di queste materie. Le nuove figure professionali hanno competenze ibride, che comprendono sia conoscenze tecnico-scientifiche molto specifiche, spesso acquisite grazie a un percorso post laurea, come un Master in Sostenibilità, che abilità trasversali e personali, come la capacità di collaborazione, di leadership consapevole e l’adattabilità ai diversi contesti. Ad ogni modo, tra i principali ruoli emergenti è possibile citare il CSR Specialist, il consulente della sostenibilità, il manager per l’energia e l’ESG Investment Analyst.

CSR Specialist

Il CSR Specialist è un professionista che vanta un ruolo chiave nello sviluppo sostenibile di un’azienda. Esso, infatti, si focalizza sulla strategia e sul conseguimento degli obiettivi legati non solo alla sostenibilità ma anche alle responsabilità sociali. Il suo compito primario è comprendere l’evoluzione delle questioni ambientali, sociali e di governance (ESG) e valutarne l’impatto sulle dinamiche aziendali. Inoltre, ha la responsabilità di diffondere i principi della gestione sostenibile e dell’economia circolare, contribuendo a creare una cultura aziendale responsabile.

Sustainability Consultant

Il Sustainability Consultant coordina e supervisiona le pratiche di sostenibilità, lavorando come project manager, sviluppatore aziendale oppure formatore. Si tratta di un professionista con una profonda conoscenza del settore edile, che interagisce con sviluppatori, architetti e ingegneri. Le sue responsabilità includono lo sviluppo di studi di impatto ambientale e sociale, la redazione di documentazione tecnica, la raccolta dati per reporting e per il bilancio di sostenibilità. Gestisce, inoltre, aspetti ambientali critici, definisce piani di monitoraggio e identifica opportunità per processi circolari, energie alternative e pratiche eco-sostenibili. Infine, esso supporta la comunicazione interna ed esterna sulle tematiche di sostenibilità, garantendo la conformità alle normative.

Esg investment Analyst

L’ESG Investment Analyst influenza il comportamento aziendale e degli investitori, promuovendo l’adozione di pratiche finanziarie responsabili, e ha quindi un ruolo fondamentale nel favorire il progresso della finanza “green”. Infatti, questo professionista è in grado di facilitare la transizione verso investimenti etici e sostenibili, grazie alle sue competenze che riguardano sia l’analisi finanziaria che i criteri ESG. In poche parole, l’ESG Investment Analyst ha la responsabilità di guidare aziende e investitori verso scelte coerenti, nelle quali il valore economico non può prescindere dal benessere delle persone e del pianeta.

Energy Manager

Un’altra figura indispensabile nel processo di transizione ecologica delle aziende è l’energy manager, responsabile dell’ottimizzazione dell’utilizzo dell’energia all’interno delle organizzazioni. Nello specifico, l’energy manager lavora come consulente e ha il compito di valutare attentamente l’impiego energetico nei vari processi di produzione, al fine di individuare le opportunità di ottimizzazione. Inoltre, questa figura è in grado di fornire informazioni sui vantaggi fiscali e di orientare le scelte dell’azienda verso la sostenibilità, attraverso l’elaborazione dei bilanci energetici e le analisi delle normative in vigore. Tale professionista, si occupa anche di identificare potenziali investimenti energetici per migliorare i processi produttivi e ridurre gli sprechi, pur non avendo l’ultima parola nelle decisioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here