Banda dei trattori, risponde uno degli arrestati.

0
758
Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture


Realizza un sito web ecommerce di successo - Kynetic web agency a Salerno e Milano


Ha risposto al gip, Fabrizio Ciccone, uno degli indagati arrestati nell’inchiesta su una serie di furti di trattori registrati fra Montella e l’hinterland, nel 2017, gli altri tre presunti complici raggiunti da misure cautelari hanno invece deciso di rimanere in silenzio. I quattro sono finiti in un’indagine che ha coinvolto altre cinque persone: si tratta di un 40enne di Giffoni Valle Piana raggiunto da un obbligo di dimora, due agricoltori di Lioni, un operaio di Calitri e un allevatore di Savignano Irpino.

Tutto nasce da un controllo su strada. I carabinieri di Montella, al comando del luogotenente Stefano Nazzaro, nell’estate del 2017 avevano fermato un uomo a bordo di un trattore rubato nei pressi di Savignano Irpino. Così era scattata l’indagine, diretta dal procuratore Fabio Massimo del Mauro. Decine e decine di intercettazioni raccolte nei lunghi viaggi in auto realizzati dagli indagati prima di compiere i furti.

A capo della presunta associazione c’era una donna di Montella, moglie dell’uomo che oggi ha deciso di rispondere al giudice per le indagini preliminari.

Per gli inquirenti, i due coniugi con la complicità di un 33enne di Montecorvino Rovella, in provincia di Salerno, avrebbero eseguito materialmente i furti. I due uomini sarebbero tornati a bordo dei trattori rubati, mentre la donna, a volte con l’ausilio di un complice, sarebbe rimasta a bordo dell’auto vedetta pronta a lanciare l’allarme.

L’attività di intercettazione, unita alle testimonianze raccolte dai carabinieri, ha fatto emergere l’esistenza di una presunta associazione che aveva contatti anche fuori provincia: i trattori rubati, dopo la riverniciatura e la sostituzione delle targhe, sarebbero infatti stati rivenduti altrove. Di qui anche l’accusa di ricettazione.

La refurtiva recuperata, del valore di oltre 150mila euro, è stata in parte restituita ai proprietari e in parte donata, su disposizione del Procuratore, Rosario Cantelmo, a un ente di beneficenza. Le misure cautelari saranno probabilmente impugnate al Tribunale del riesame dalla difesa degli indagati condotta, fra gli altri, dall’avvocato Giovanni Battista De Simone.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here