Federitaly: creazione di nuovi Consorzi DOP e IGP per valorizzare le aree interne

0
147
Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture

Si è concluso il Convegno presso la Sede Nazionale di Federitaly a Roma sulla recentissima Riforma. Relatore principale è stato l’On. Paolo De Castro, Vicepresidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo. Un profondo conoscitore delle dinamiche del comparto agroalimentare italiano e figura di riferimento per le politiche agricole europee.

 

L’incontro, organizzato da Federitaly, Federazione Italiana per la tutela e promozione del Made in Italy, ha permesso un interessante raffronto tra istituzioni, professionisti del settore, produttori, appassionati della materia per scoprire le innovazioni che la Riforma mette in atto per influire sulla tutela e valorizzazione dei prodotti DOP e IGP. La nuova regolamentazione europea ha rappresentato un esempio virtuoso del funzionamento del “sistema Italia”: si è registrata una positiva convergenza e collaborazione tra associazioni di categoria e politici italiani di tutti gli schieramenti verso un obiettivo comune: il potenziamento del sistema DOP e IGP con un maggiore coinvolgimento dei Consorzi di Tutela. In Europa, quando le forze politiche italiane si uniscono per promuovere gli interessi del nostro sistema agroalimentare, che rappresenta la punta di diamante del sistema produttivo nazionale, si ottengono risultati di straordinaria importanza.

 

L’On. Paolo De Castro, con grande chiarezza, ha illustrato i punti di forza della recentissima normativa “Dopo due anni di negoziati siamo arrivati alla conclusione del nuovo regolamento sulle IG, la pubblicazione in gazzetta è attesa per metà aprile. Si è creato, per la prima volta, un vero testo unico europeo sulle produzioni di qualità, in grado di garantire un maggiore allineamento e una maggiore chiarezza tra tutti i settori, incluso quello vitivinicolo”. “Molte le novità, conclude De Castro, “tra cui: il rafforzamento dei consorzi che rappresentano il motore di sviluppo delle IG, maggiori tutele sul mercato, semplificazione del sistema di registrazione e chiarimento del ruolo dell’EUIPO nonché sostenibilità, benessere animale e trasparenza nei confronti dei consumatori”.

 

“Il rafforzamento del ruolo dei Consorzi” spiega Carlo Verdone è cruciale per la tutela e la promozione dei prodotti DOP e IGP. Questi consorzi costituiscono veri e propri presidi di sicurezza per garantire la qualità e la protezione delle nostre eccellenze agroalimentari. Federitaly si impegna a favorire la creazione di nuovi consorzi di tutela per raggiungere un duplice obiettivo: proteggere e promuovere prodotti poco conosciuti o a rischio di estinzione e contemporaneamente promuovere i territori interni attraverso i prodotti DOP e IGP. Ciò non solo può sostenere la creazione di nuovi posti di lavoro, ma anche fornire nuova vitalità all’agricoltura estensiva”. Uno dei punti focali, è proprio la definizione di tempi certi per l’esame delle richieste di registrazione e di modifica dei disciplinari delle IG da parte della Commissione, riducendoli a 6 mesi, estendibili di ulteriori 5 solo nel caso in cui la richiesta sia incompleta e debbano essere presentate ulteriori informazioni.

Anche il turismo Dop, il turismo enogastronomico legato a prodotti Ig, ne gioverà fortemente sul nostro territorio, ossia le esperienze turistiche legate a progettualità autentiche sui prodotti a Indicazione Geografica. Il fenomeno è noto essere in forte crescita, e quota un fatturato di oltre 19,1 miliardi di euro. Grazie alla notorietà internazionale dei prodotti a Indicazione Geografica italiani ed alle numerose iniziative promosse dai Consorzi di Tutela, le filiere DOP IGP sono sempre più al centro dell’offerta turistica nazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here