Il Circo Castellucci ad Ariano Irpino.

0
336
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven

Il più grande spettacolo di elefanti in circolazione arriva in Campania, ad Ariano Irpino, sotto il tendone del Circo Enis Castellucci. Thay, BelindaPira, i tre amabili pachidermi della Famiglia Gartner, sfoggiano tutta la loro armonia con i giovani fratelli Jaky, Josef, Francy e Maverick premiati al Festival di Monte-Carlo (2014 e 2019) ed è un’esplosione di colore e gioia per il pubblico di bambini e adulti non più abituato all’interazione con gli animali. Gli elefanti sono intelligenti, aggraziati, dolci e collaborativi. Spettacoli di questo tipo fanno capire quanto sia preziosa la complicità tra uomo e animale. Dopo anni di pandemia, quello dei Gartner è finalmente un contagio positivo, un contagio di energia, un’iniezione di carica che caratterizza ognuna delle loro esibizioni, il numero di cinghie di Maverick Gartner, il mano a mano che li vede tutti coinvolti, coi muscoli contratti in una vera e propria figura statuaria che si scompone e si ricompone.

“Invito tutti a venire allo show perché è una novità assoluta, uno spettacolo completo a cui ci dedichiamo col massimo impegno”, ci dice il direttore Enis Castellucci ed in effetti la concatenazione di attrattive è riuscitissima. Devis Castellucci fa quello che gli pare sul filo d’acciaio, salta la corda, turbina su se stesso, balza nel fuoco. A lui il plauso anche per gli sketch comici nei panni dello spassoso Clown Topolino. Numero da brivido quello delle balestre del Duo Nabibba, da capogiro la corda di Simona Russo e l’equilibrismo su scala fissa di Gilda Riva. La trapezista Denise Castellucci, appena sedicenne, mostra tutta la sua bravura, librando sulle teste degli spettatori che guardano col naso all’insù i suoi volteggi. Premiata all’Italian Circus Festival, si esibisce anche alle verticali e con gli elefanti: “Il mio percorso inizia a sette anni. Entrai nell’Accademia Circense di Verona, inizialmente pensando di dedicarmi solamente alle verticali poi mi sono innamorata del trapezio. Ho lavorato duramente focalizzandomi su queste due discipline sotto la guida di maestri come Marco, Cesare e Andrea Togni. In questo spettacolo, per la prima volta, sto lavorando con gli elefanti e, devo ammetterlo, è emozionante ed al contempo ho paura, ma ci sono i Gartner che mi infondono tranquillità”.

Gli spettacoli continueranno sino al 26 marzo: di lunedì, giovedì e venerdì alle 19.30, il sabato e la domenica alle 16.30 ed alle 19.30, martedì e mercoledì chiuso. Da non perdere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here