Il fiore che ti mando l’ho baciato, presentazione del libro e spettacolo teatrale dedicato ad Antonia Lezza mercoledì 29 al Teatro d’Ateneo

0
198
Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture

Mercoledì 29 maggio, alle ore 11, al Teatro di Ateneo Campus UniSa di Fisciano, si terrà la presentazione del quaderno, a cura dell’Associazione Centro Studi Teatro Napoletano, Meridionale ed Europeo presieduto da Antonia Lezza, edito da Dante & Descartes, “Il fiore che ti mando l’ho baciato”, dedicato alla memoria di Rossella Nobile, docente Unisa con la passione per il teatro. Dopo i saluti di Roberto Pantani – Direttore DIIN – UNISA e di Annamaria Sapienza – Presidente C.D. Davimus DISPAC – UNISA, Antonia Lezza introdurrà l’incontro; intervengono Elvira Buonocore, drammaturga; Antonio Grimaldi, regista ed Anna Rita Vitolo, attrice. Seguirà lo spettacolo teatrale “Il fiore che ti mando l’ho baciato”.

Il volume contiene la corrispondenza amorosa tra Stamura Segarioli, maestra di scuola elementare, e Francesco Fusco, tra il 1913 e il 1915: lui, medico tenente dell’esercito, non sposò mai la sua amata e morì prima di tornare dal fronte. A noi sono rimaste le loro lettere e grazie alla nipote Rosa Fusco e su iniziativa del Centro Studi sul Teatro, è stato possibile pubblicare il carteggio da cui è nato l’omonimo spettacolo, che è stato realizzato in occasione delle Celebrazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale; scrittura scenica e drammaturgica di Elvira Buonocore e Anna Rita Vitolo, regia di Antonio Grimaldi: un raffinato, toccante monologo in cui la protagonista costruisce sulle lettere il racconto della sua sfortunata battaglia d’amore. Il progetto scaturisce dal forte interesse della professoressa Lezza verso testi inediti o legati agli Archivi di persona; il quaderno ospita anche il testo della pièce, le fotografie dei protagonisti del carteggio e le immagini di scena dello spettacolo. Lo spettacolo ha debuttato nell’agosto del 2015 nella casa di Stamura e Francesco (Sessa Aurunca –Caserta); sono seguite numerose repliche che hanno sempre riscosso un grande consenso di pubblico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here