Morti sul lavoro. Ad Avellino la tappa del tour UGL “La sicurezza è il tuo futuro”.

0
225
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven

Continua il tour nazionale UGL “La sicurezza è il tuo futuro”, organizzato dal sindacato per presentare i dati emersi dal Report 2022 UGL “La Sicurezza nei e sui luoghi di lavoro”. Ad Avellino si è svolta l’ottava tappa del tour (dopo Roma, Firenze, Bologna, Genova, Torino, Milano e Trieste) per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sull’importanza di implementare una cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro.

“I numeri del Rapporto sugli infortuni mortali nei luoghi di lavoro, con esclusione degli incidenti in itinere, pongono la Campania fra le regioni a maggiore rischio. Con 70 infortuni mortali e 1,6 milioni di occupati, la Campania ha incidenza di 43,9 casi per milione di occupati, circa nove punti in più rispetto alla media nazionale. La Campania si colloca al sesto posto. In valori assoluti, è la provincia di Napoli a registrare il maggior numero di infortuni mortali: 27. L’incidenza è di 35,1 a fronte di poco più di 768mila occupati, con il 50° posto in graduatoria. In termini di incidenza, la provincia più a rischio è però quella di Salerno: 21 accadimenti per 332mila addetti, con una incidenza di 63,1 punti e il 14° posto nella graduatoria nazionale. A seguire, troviamo Caserta (29° posto con 13 infortuni mortali e 266mila addetti per una incidenza pari a 48,9), Avellino (40° posto con 6 infortuni mortali e 144mila addetti per una incidenza pari a 41,6) e Benevento (45° posto con 3 infortuni mortali e 81mila addetti per una incidenza pari a 37,1): in tutti i casi, sopra alla media nazionale.” Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale UGL. 

“Occorre – conclude il sindacalista – un deciso impegno delle Regioni, per quanto di loro competenza, a iniziare da un rafforzamento dei controlli a tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, anche attraverso il coinvolgimento degli enti locali, fondamentali per intercettare il lavoro sommerso nel commercio, nell’edilizia e nell’agricoltura”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here