Sicurezza e qualità delle cure: tre Aziende a confronto sulla gestione del rischio clinico Al Moscati l’evento conclusivo del ciclo di incontri

0
513
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven

Si chiude all’Azienda ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino il ciclo di tre giornate formative e di approfondimento sul tema “La misura della sicurezza e della qualità delle cure. Il monitoraggio continuo dei processi di clinical risk management”, organizzato insieme all’Azienda ospedaliera dei Colli di Napoli e all’Asl di Salerno.

Martedì prossimo, 16 gennaio, presso l’aula magna della Città ospedaliera (primo piano, settore B), alle ore 9, il Direttore generale dell’Azienda Moscati, Renato Pizzuti, e il Direttore generale per la Tutela della Salute e il Coordinamento del Servizio Sanitario della Regione Campania, Antonio Postiglione, apriranno i lavori dell’incontro conclusivo (le prime due giornate si sono svolte a Salerno e a Napoli).

Interessanti gli argomenti che saranno trattati: dagli strumenti per arricchire la cultura del rischio all’obbligo assicurativo delle strutture sanitarie; dalla gestione del contenzioso medico-legale al monitoraggio dell’organizzazione ospedaliera.  L’evento si chiuderà con un momento di confronto tra specialisti in Chirurgia generale e oncologica sugli eventi avversi in sala operatoria.

«La condivisione tra Aziende della stessa regione delle conoscenze su un tema così importante come la sicurezza delle cure – sottolinea il manager Pizzuti – sicuramente rappresenta un approccio valido per attuare azioni di miglioramento dei processi di cura. Lo scambio di informazioni e di esperienze, l’analisi comparata degli errori sono infatti elementi utili – perché basati su fatti concreti – per ottimizzare l’organizzazione dei percorsi ospedalieri in funzione della riduzione del rischio per operatori e pazienti e per elevare gli standard assistenziali».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here