Giornata del Risparmio Energetico, gazebo M5S

0
263
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven

“Il 16 febbraio, anniversario dell’entrata in vigore del protocollo di Kyoto, si celebra la Giornata Nazionale del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili. Il Movimento 5 Stelle come ogni anno celebrerà questa giornata con una campagna informativa sui temi del risparmio energetico e delle fonti rinnovabili. Il nostro gazebo informativo sarà ad Avellino a viale Italia, altezza chiesa di San Ciro dalle ore 17. Parteciperanno consiglieri comunali, regionali e nazionali.

Il governo Meloni è un Governo Fossile perché basa la strategia energetica dell’Italia sulle vecchie fonti fossili, inquinanti e costose, anziché sulle fonti rinnovabili, più pulite e economiche. Nella Legge di Bilancio 2024 è totalmente assente una strategia di medio e lungo termine per lo sviluppo sostenibile. Meloni ha approvato un decreto Energia sbagliato, che ripropone vecchi ingredienti come gli inceneritori e i rigassificatori, e che introduce criteri rischiosi per lo stoccaggio dei rifiuti nucleari, aprendo alla pericolosissima possibilità che il deposito venga realizzato in aree non idonee. Incentiva nuove trivelle per estrarre idrocarburi, a costo di rischi enormi per l’ambiente. Prevede investimenti miliardari per nuovi rigassificatori, in un momento storico in cui i consumi di gas sono in caduta libera, legando il nostro Paese per decenni a una risorsa che dovrebbe gradualmente abbandonare.

Perché introduce misure per lo stoccaggio della Co2, tecnologia costosissima e che tutti gli osservatori internazionali definiscono di dubbia efficacia. Perché prevede la realizzazione di due nuovi inceneritori in Sicilia. Il governo fossile Meloni se ne infischia dei bisogni dei cittadini e dei costi che sono costretti a pagare bollette sempre più alte e ha sancito la fine del mercato tutelato per 10 milioni di famiglie, mentre sarebbe stata opportuna e necessaria una proroga”. Lo riferisce in una nota il Movimento Cinquestelle di Avellino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here